Dal disco "Aradio" (2001)

 

 

zornànt

Mi plasarès savêmi invelegnât e plui rabiôs ma vuei i stoi ben no sai ce dius e al mi rimuart un pôc ma vuei i stoi ben mi pàs da pâs e dal sorêli e dal bon timp e no lu sint se cualchidùn a mi ûl mâl nancje volìnt i rivares a dâ di ca e i soi a chi sigûr che tant nol dure trop par une dì i mûr content ma al mi rimuart un pôc ma vuei i soi biel no sint la fan la ploe se il tai al sa di vin e no mi sint di lâ lontan o lavorâ e par usgnot no rivarai a dâ di ca.

zornànt*

Mi piacerebbe sapermi arrabbiato e più cattivo, ma oggi sto bene, non so cosa dirvi, e un po’ mi dispiace. Ma oggi sto bene, mi sazio della pace del sole e del bel tempo, e non mi accorgo se qualcuno mi vuol male e neanche volendo riuscirei a rinsavire. E sono qui, sicuro che tutto questo non durerà tanto, per un giorno solo muoio contento e un po’ mi dispiace. Ma oggi sono bello, non sento la fame, la pioggia, se il bicchiere sa di vino e non mi va di andare lontano o lavorare e per questa sera non riuscirò a rinsavire.

*In questo caso: termine traducibile con un misto di "cazzeggiando" e "bighellonando allegramente"

 

 

madins

Salude la vite la gioventût ce che tu âs e che no tu âs vût io spaladôr mi clamin arsure dal gnò biel borc i soi la sfortune trai une stajare liròn e un colm di lune sôre il cjampon trai di bêvi galantomp o blanc o nêri ch'al sêdi bon cussì cjantuçant mi invî sot la nêf cjâli tal scûr la int ch'a bêf e i prei e i vuei che la nêf si poi su chei ch'a màngjin e a ridin bessoi a mi sgrisùle il prin floc ch'al cole di une ostarie i varés gole e il timp al svole tabaiant mâl dal murbin e da fieste ch'a si fâs a Nadâl fasìn 'ne sâgre par chei dal gnò rango fasìn 'ne sâgre doman l'è un dì in manco.

madins*

Saluta la vita e la gioventù, quello che hai e quello che non hai avuto. Io, spalatore, mi chiamano “Siccità“, sono la dannazione del mio bel paese. Suonaci una “stajare”,** contrabbasso, e che ci sia la luna piena sopra il Cjampon. Versa da bere, brav'uomo, bianco o rosso, basta che sia buono. Così canticchiando mi avvio sotto la neve, guardo nel buio la gente che beve, e prego e voglio che la neve cada sopra tutti quelli che mangiano e ridono da soli. Fa rabbrividire il primo fiocco che cade, e avrei voglia di andarmene in un’osteria, e il tempo vola parlando male dell’allegria e della festa che si fa a Natale facciamo una sagra per quelli della mia razza facciamo una sagra perché domani è un giorno in meno.

*Termine che indica la sera della vigilia di Natale

**Ballo popolare friulano

 

 

un slavin d'estât

No'nd ere salût no'nd ere cjapiei no'nd ere cuviers par metisi sot no giove la sêt no jude la fan s'a colin i mûrs no colin dibant la lenghe mi sierf par fâmi dal mâl mi cerce la int prin ch'al sei tart e cheste a è la sole gran veretât i raspi vansùms mi ten i sfondàcs.

un temporale estivo

Non c'era la salute, perché non c'erano cappelli. Non c'erano tetti sotto cui ripararsi. Non serve la sete, non aiuta la fame, se cadono i muri, non cadono inutilmente. La lingua mi serve per farmi del male, mi assaggia la gente prima che sia tardi. E questa è la sola grande verità, raschio gli avanzi, tengo per me i fondi.

 

 

sot

Puartimi lisere primevere i tiei odôrs ce ch'a mi console a tal dîs la mê vôs mi dismôf adore s'a mi gire no lu sai i gjolt la fortune di cjalâti tai voi musiche lontane si messede cul gno timp mi confont no sai parcè ma a mi puarte cun sè cu la me sunade di bessôl i jentrarai cence dîti nuie no ti molarai plui scjaldimi sorêli s'i soi strac i polsarai sot di cheste mûse no tu sâs ce ch'i soi soi un motôr ch'al tire e ch'a no si ferme mai i jempli lis orêlis di fastidis e amôrs in t'un altre vite i no sai s'i tornarai scolti la mê musiche no mi fermi mai plui cu la mê sunade di bessôl i jentrarai soi content no sai parce ma a mi puarte cun se

sotto

Portami leggera, primavera, i tuoi odori, quello che mi consola lo dice la tua voce. Mi alzo presto e se mi gira non lo so, mi godo la fortuna di guardarti negli occhi. Musica lontana si fonde con il mio tempo, mi confonde, non so perché, ma mi porta con se. Con il mio suono entrerò da solo, senza dirti niente, non ti lascerò più. Scaldami sole, se sono stanco riposerò, sotto questa faccia, non lo sai chi sono. Sono un motore che tira e che non si ferma mai, mi riempio le orecchie di guai ed amori. In un'altra vita, non so se ritornerò, ascolto la mia musica, non mi fermo più. Con il mio suono entrerò da solo, sono contento, non so perché, ma mi porta via con se.

 

 

sere cidine

La gnòt a è un nît cjalt dulà sgropâ i siùmps colôr dal bosc e duç i pecjâs cheste a è la prime sere di vêr cidìn nêre atôr dal fûc dal gnò pavêr e par me il timp al tâe un cercli grànt e un fîl colôr d'arint par peâmi fuàrt …par provâ a durmî…

sera silenziosa

La notte è un nido caldo, dove sciogliere i sogni colorati come il bosco, e tutti i peccati. Questa è la prima sera di vera quiete, nera, attorno al fuoco della mia lanterna. E per me il tempo ritaglia un grande cerchio, ed un filo argentato per legarmi forte… …E provare a dormire…

 

 

nûfcent

Al è cussì che in t'une lâgrime di mâr al sta Nûfcent e al sarà lì a gugjâ cjants a mieç cui siôrs e cui migrans a mieç cun cui che smicjant lontan al viôt par prin l'americhe al cîr un fons o in fons l'è già rivât juste un nuie une brume o dome un spiêli di nuie Nûfcent giremont misure di omp o nemâl Nûfcent giremont come marê cence lune Nûfcent giremont po' vie daûr un troi saurît un bastiment mercjât sêle colme di int in muél grande tant che un paîs par cognossi il mont tai voi e tai cjants da int Nûfcent pés di cjere omp di mâr fûr par fûr oceano e puart une par une dispicjadis lis vois par tornâ indaûr fintremai une âghe un cîl o une fin diferent.

novecento

Così, in una lacrima di mare, se ne sta Novecento, e sarà lì, a ricamare canzoni a metà tra i signori e gli emigranti. In mezzo a chi, guardando lontano, vede per primo l'America, e cerca un fondo o in fondo è già arrivato. Appena un niente una bruma, o soltanto uno specchio di niente, Novecento giramondo, misura di uomo o animale, Novecento giramondo, come marea senza luna, Novecento giramondo. E poi via, seguendo un sentiero salato, un bastimento-mercato, Tinozza piena di gente a mollo, grande quanto un paese, per conoscere il mondo dagli occhi e nei canti della gente. Novecento, pesce di terra, uomo di mare, da parte a parte, oceano e porto, spogliatosi uno ad uno dei desideri per tornare indietro fino ad un'acqua, un cielo o una fine diversa.

 

 

malasuerte

Sfulminât pa vie di Prât come un sanpauli eretic mi à maladet la malesort ma no la vessio mai cjalade mi à vendemât il sanc sul so pedrât pierdut pai strops neât tal so toblât ardût di vôe di lâvris dineâs ma cence cjâf dulà mai dismenteât torne indaûr timp ven cun me al cole scûr al torne frêt vores savê riva a capî se di chest mâl si po murî passât il timp dal ridi e dal vaî passât la vite a remenâ un pensîr passade ancje la vôe di stai daûr che il mont si sbôri no fevêli plui.

malasuerte

Fulminato sulla via per Prato come un san paolo eretico. Mi ha maledetto la malasorte, non l'avessi mai guardata. Ha vendemmiato il mio sangue sull'acciottolato, perso per i campi, annegato nel suo fienile, arso di voglia di labbra negate, ma senza testa dimenticata chissà dove. Ritorna indietro tempo, vieni con me, si fa buio e torna il freddo. Vorrei sapere, riuscire a capire, se di questo male si può morire. Passato il tempo del riso e del pianto, passata la vita a rivangare un pensiero. Passata anche la voglia di stargli dietro, si fotta il mondo, non vi parlo più.

 

 

lusôr

Lusôr ch'al scjasse la gnot e la lune sbotonade fin dapît ch'a si nê dismenteade e il treno ch'a nol va lontan mai avonde ogni colp un puest ogni puest un bâgo ma il so pensîr torne lontan sentât pai lûcs di chest mont pierdût tas placis o distirât cjantâ e vaî ch'a lu puartave a cjase.

chiarore

Chiarore che scuote la notte, e la luna, sbottonata fino in fondo, si annega dimenticata. E il treno non va lontano mai abbastanza, ogni volta un posto, ogni posto uno sputo. Ma il suo pensiero torna lontano, perso nei luoghi del mondo. Seduto in una piazza o stramazzato, cantare e piangere, lo riportava a casa.

 

 

maldimâr

Come l'âghe dal mâr nêre di gnot di no viodint la fin né il sot nè la cjere devant nè la cjere daûr come l'âghe dal mâr muarte fûr di une grande sitât alc di bon a si cjate alc di vendi a mercjât come l'âghe dal mâr verde a polsâ sul savalòn clâr 'ne cartuline di un puest lontan dulà che no tu larâs mai.

maldimare

Come l'acqua di mare, nera la notte, da non vederne la fine ed il fondo. Né la terra davanti, né la terra dietro. Come l'acqua del mare, morta Alla periferia di una grande città, qualcosa di buono si trova sempre, qualcosa da vendere al mercato. Oppure come l'acqua del mare, immobile a riposare sulla sabbia chiara: una cartolina di un posto lontano, dove tu non andrai più.

 

 

daûr dai poi

Al è masse frêt al tocje scjampâ in cuintriman atôr da int dal vuestri mâl di lâ di bant tôr atôr da strade a si pò passâ cun chei plui brâs cun chei plui biei lâ lontan dal dì di vuei 'ne man a sude il cjâf al dûl i voi si plein devant dal scûr no mi nascuint tant i no soi pa buine int e pai tiei voi lassait ch'i torni tant par contâ dal mont taront e dal gnò flât lavâsi pôc e puçâ tant.

dietro i pioppi

Fa troppo freddo, bisogna scappare, contromano, evitare la gente e il vostro male di girare a vuoto. Per la strada si può passare, con i più bravi, con i più belli allontanarsi dalle solite giornate. Una mano suda, la testa duole, lo sguardo si abbassa davanti al buio. Non mi nascondo, tanto non esisto, per la buona gente e per i tuoi occhi. Lasciate che ritorni, per raccontare del mondo e del mio fiato, lavarsi poco e puzzare molto.

 

 

costantin

Al cole il scûr atôr dal lât e costantin al è content si supe i dês ridint bessôl pensant a cui ch'ai an tocjât al rît e al pense costantin che il cont al devi sei coion al scuint la fìe tal convent dulà che lui l'è mieç paron ma costantin "mûse di sclops" il diaul l'è trist e al strope i bûs torne indaûr e cjale miôr s'al è passât in tal to cûl slungje il pas 'mo costantin che il diaul l'è trist e al puarte mâl ti jude un colp ma no dibant e al torne a scuedi prest o tart al criche il dì atôr dal lât e costantin al è distrat il cjampanîl al bat i colps ma lui ju sint ch'al è già tart fâs di corse costantin tocje scjampâ prime dal timp lui la strenç atôr dal cuel a la sburte pal barcon lui la tire pai cjavei nol pense plui a ce ch'al fâs al criche il dì atôr dal lât ma costantin no si è nacuart cumò di gnot al vai dibant tant di sintîlu fin in paîs.

costantino

Si fa buio sul lago e Costantino è soddisfatto, si succhia le dita ridendo da solo, pensando a chi hanno toccato. Ride e pensa Costantino che il Conte dev'essersi rincoglionito, nasconde la figlia nel convento dove lui la fa da padrone. Ma Costantino "faccia da schiaffi", il diavolo è cattivo e ti fotte, ritorna indietro e guarda meglio se è passato nel tuo culo. Allunga il passo Costantino, che il diavolo è cattivo e porta male, ti aiuta una volta ma non per niente e torna a riscuotere presto o tardi. Albeggia sul lago e Costantino è distratto, il campanile batte i colpi, ma lui li sente troppo tardi. Sbrigati Costantino, bisogna scappare prima del previsto: lui le stringe il collo, la spinge attraverso la finestra, lui la tira per i capelli, non pensa più a ciò che sta facendo... Albeggia sul lago, ma Costantino non se n'è accorto, ed ora di notte piange inutilmente, tanto da sentirlo fino in paese.

 

 

cjantâ

A cjantâ, balâ, bussâ, Giuâ da more, bêvi il vin. A contâsi ancjemò dal gnò viac', dal gnò murbin. Di un dì cuiet dal mês di mai, Dal gnò gjoldi par un nuie. Da maravê c' a-mi faseve un cîl net clâr in sôre sere.

cantare

A cantare, ballare, baciare, giocare alla morra, bere vino. A raccontarsi ancora del mio viaggio, della mia euforia. Di un giorno quieto di maggio, del mio godere per un nonnulla. Della meraviglia di un cielo chiaro al tramonto.

 

 

charleroi

I eri a Charleroi dal vincjecinc "Au font la mine" a sintîmi farc in farcadiç forest di int lì dal vincjecinc i erin jo e altris mil a gratâ paltàn pesant il timp cul mani dal picòn sot la mont di ferage nêre sot un grant cîl di ploe cuant ch'i torni i lâssi un troi daûr di me cui è ch'al va cence mestîr atôr pal mont dome chei pôs ch'a no an pôre dal lavôr mi son bastâs doi dîs di frêt par imparâ il mût plui svelt par saltâ fûr par un ch'al va a scuen sei un ch'al reste lì cussì al è stât ma fin insomp chest al è vêr però i ai fàt un grant sparancj cun ducj chei claps sôre di me mi soi paiât il pissighet cumò di trei ch'i sin partîs che dì soi dome io dopo vincj agns fra mieç talians no si capìn no mi displâs e ogni gnot i fâs il cont di trop in bas ch'i soi rivât di trop profònt.

charleroi

Ero a Charleroi nel venticinque "Au font la mine" a sentirmi talpa in una tana straniera. E lì nel venticinque c'ero io e altri mille, a raschiare fango, pesando il tempo con il manico del piccone. Sotto la montagna di ferraglia nera, sotto un grande cielo di pioggia, quando ritorno lascio un sentiero dietro di me. Chi se ne va per il mondo senza un mestiere? Solo quei pochi che non hanno paura del lavoro. A me sono bastati due giorni di freddo per imparare Il modo più veloce per uscirne. Per uno che se ne va dev'essercene uno che rimane. Così è stato, ed è vero. Però ho fatto un bel risparmio, con tutti quei sassi sopra di me, mi sono pagato il becchino. Ora dei tre che siamo partiti quel giorno, sono rimasto solo io dopo vent'anni. In mezzo ad Italiani non ci capiamo, non mi dispiace. Ed ogni notte faccio il conto di quanto in basso sono arrivato, e di quanto in profondità.

 

 

da lontan

Cussì in chê dì no vares vût di miôr che cori atôr di jei e di dut il timp passât a trai daûr di alc no vares contât che mieç ogni volte la clâf ch'a disnice la mîl a ven da lontan mai da visin e usgnot ch'al fâs clâr io la clâmi di sot ch'a no sinti che in siump e ch'a resti a durmî.

da lontano

Così quel giorno, non avrei avuto nient'altro da fare, che girarle attorno. E tutto il tempo passato a cercare qualcos'altro, non avrebbe contato che la metà. Ogni volta la chiave che porta al miele, arriva da lontano, mai da vicino. E in questa notte chiara, io la chiamo dal basso, che non senta se non in sogno, e rimanga addormentata.

 

 

da chi indevant

da chi indevant i vûl tornâ simpri indaûr colâ da siump sul puest di vôre e stâ di bant par ogni ore ch'i ai passât a blestemâ cence riguart cumò in cjol dôs par pierdi timp da chi indevant s'a mi cirin i no soi s'a mi domandin i no sai e se al è fûc lassait ch'al brûsi io no mi scomponarai da chi indevant di cuâle bande la plui curte pal to paîs? a tròpe int scuègnio berlâ par rivâ dapît? s'i fòs sigûr di ce ch'i fâs i duarmarès par cuìndis dîs par fâ la polse ch'i no ai fàt da chi indevant

d'ora in avanti

D'ora in avanti voglio tornare sempre indietro, cascare dal sonno al lavoro e starmene senza far niente. Per ogni ora che ho passato a bestemmiare senza riguardo, adesso ne prendo due per perdere tempo… …D'ora in avanti… Se mi cercano, non ci sono, se mi chiedono, non so, se c'è fuoco, lasciate che bruci, io non farò una piega… …D'ora in avanti… Qual è la strada più corta per il tuo paese? A quanta gente dovrò gridare prima di arrivare in fondo? Se fossi sicuro di quello che faccio, dormirei per quindici giorni, per tutto il tempo in cui non l'ho fatto… …D'ora in avanti…

 

 

alestât

Radiolinis ch'a sbàrin rumôr e sgrasài i sarai già lontan tant di pierdimi su pas mons sot dal mâr a nol pâr di vê un puest la che il cjalt a no ti cuei tal tramont ch'a si spant di no viodint la fin i sin cjocs cence fons plens di aiar ma prime ch'al sei doman su la mîl da tô piel un cjanton di padìn e fantàs e fantàtis si cjatin e a balin si cjolin a cìrin di pierdisi tal odôr dal sudôr in tal bati da musiche tal calôr

alestât*

Radioline che sparano rumori e frastuono, sarò già lontano fino a perdermi. Sopra una montagna o in fondo al mare, pare non ci sia un posto dove il caldo non cuoce. Nel tramonto che si spande da non vederne la fine, siamo ubriachi senza fondo, pieni di vento, ma prima che sia domani, sul miele della tua pelle un momento di tregua. E ragazzi e ragazze si trovano e ballano, si prendono e cercano di perdersi nell'odore del sudore, nel battito della musica, nel calore.

*Intraducibile fusione delle due frasi "al estât" (all'estate) e "al è stât" (è stato).

 

 

 

 

 

 

 

Dal disco "a eletric 2006"

 

 

Straordenari

frucions di cjere
come un otubar cence fin muart dopomai
come un tramont viole
come ploe frêde
il murî lent da gnestre storie
e cumò al reste cussì pôc
a restin fuêis tal troi batût
paltan e sterps ta chel pierdût
il pês di chest destin

il pês di chest destin
nus siere i voi e dut ce ch’i fasin
al’è curâ il gnestri cuarp
slissâlu dreciâlu slungjâlu
fin cuant ch’a no nus semê plui
che tant l’è dut dibant

e un siump ti lassarà libar par un moment
elevasion verticâl ma tu ti movis a stent
e tu ti viodis pierdût e tu ti pierdis
e tu ti viodis pierdût e tu ti pierdis

Straordinario

briciole di terra
come un ottobre senza fine morto da tempo
come un tramonto viola
come pioggia fredda
il lento morire della nostra storia
ed ora rimane così poco
restano foglie sul sentiero battuto
fango e sterpi in quello smarrito
il peso di questo destino

il peso di questo destino
ci chiude gli occhi e tutto quello che sappiamo fare
è curare il nostro corpo
lisciandolo raddrizzandolo allungandolo
fino a che non ci somiglia più
che tanto è tutto inutile

ed un sogno ti lascerà libero per attimo
elevazione verticale ma ti muovi a stento
e ti vedi perso e ti perdi
e ti senti perso e ti perdi

 

 

Cîl cjere

cîl cjere no pôre
di cîl-cjere cîl-cjere
dome par chei ch’a
crodin ch’a no jè vere

cjalaimi
si rivais a cjalâmi
lâ fûr di no savê
ch’a jè finide lì
cjalaimi
si rivais a cjalâmi
tant fûr di no savê
ch’a jè finide lì

no pôre
di cîl-cjere cîl-cjere
dome par chei ch’a
crodin ch’a no jè vere

Cielo terra

non c’è paura
di cielo-terra cielo-terra
solo per chi
crede che non sia vero

guardatemi
se riuscite a vedermi
impazzire tanto da non capire
che è finita lì
guardatemi
se riuscite a vedermi
così pazzo da non capire
che è finita lì

non c’è paura
di cielo-terra cielo-terra
solo per chi
crede che non sia vero

 

 

Come

come sei cence misure
come sei un e nissun
come fâsi mal in cjase
come un ch’al rît bessôl
come dîti ch’a jè vere
come cuant ch’i no ti crôt
come vioditi tal spiêli
tu mi cjalis di scuindon

trop lisere sestu stade
trop golôse di passion
tropis voltis ti ai vude cuintri
tropis voltis ti ai vude sot

come ogni sere smenteade
devant un televisôr
come cuant ch’i no tu crodis
come cuant ch’i no tu viodis
come une femine masse biele e
nissun ch’a jal dîs
une femine masse biele e
nissun ch’a la cjale nissun ch’ai rît

Come

come non avere misura
come essere uno e nessuno
come farsi male in casa
come uno che se la ride da solo
come dirti che è vero
come quando non ti credo
come sorprenderti allo specchio
che mi spii di nascosto

quanto sei stata leggera
quanto ghiotta di passione
quante volte ti ho avuta contro
e quante volte sei stata sotto

come ogni sera dimenticata
davanti ad un televisore
come quando non ci credi
come quando non vedi
come una donna troppo bella
e nessuno che glielo dice
una donna troppo bella
ma nessuno la guarda nessuno le sorride

 

 

Intôr

cuant che la gnot
tu sintis a becâ il frêt
pense a mi
tu pensimi

cuant che la nêf
a mangje i prâs
cuant che il cîl al sa di siump
tu pense a mi

pensimi fuart ch’i soi lontan
pense a dut furchè al cjalt
pensimi fuart ch’i soi lontan
pense a mi ch’i soi ca sù

insomp da malge scuindût tal fen
i tai tabàc par no durmî
e cu la gnot atôr di me
il glàc' framiec’ i dês
in ta mê man ti sint di un colp

Addosso

quando la notte
senti il freddo pungere
pensa a me
tu pensami

quando la neve
si mangia i prati
quando il cielo ha il sapore del sonno
tu pensa a me

pensami forte perché sono lontano
pensa a tutto ma non al caldo
pensami forte perché sono lontano
pensa a me che sono quassù

nella malga nascosto tra il fieno
taglio tabacco per non dormire
e con la notte attorno a me
il ghiaccio tra le dita
nella mia mano in un solo momento ti sento

 

 

viodistu

viodistu la mê ligrie
viodistu il gno fiât ch’al sburte
ce mai vino fàt in chê ore lontan di cà

disimal e torne dîmal
s’i soi stât dismenteât
nissun si è ‘nacuart di trop ch’i soi lontan di ca

viodistu il cjamp ch’al gire
viodistu il sant ch’al jude
ce mâl vino fàt in che ore lontan di ca

vedi

vedi la mia allegria
vedi il mio fegato che spinge
cosa abbiamo mai fatto in quei momenti lontano da qui

dimmelo e raccontamelo ancora
se sono stato dimenticato
nessuno si è accorto di quanto sono lontano da qui

vedi il prato che gira
lo vedi il santo che aiuta
cosa mai abbiamo fatto di male in quei momenti lontano da qui

 

 

s'i ves tasût

al plûf e il cîl al môf distrat
dut il gno mont
cence che jo puedi scjampâ

al plûf tal scûr e i voi dibant
mi fermarai
cence savê dulà scjampâ

al côr rotont e jo i doi di mat
no viôt la fin
no sai dulà ch’al è tacât

s'i vès tasût s'i fòs mancjât
s'i vès sgarfât
s'i vès sgarfât dentri di me

al cambie il timp e jo lu sai
no duarmarai
no duarmarai nancje murint

i sai che il fûc al brûse planc
i sai ch’al mûr o timp o tart
i sai di me
i sai di me dai miei malans

se avessi taciuto

piove ed il cielo muove distratto
tutto il mio mondo
senza che io possa scappare

piove nel buio ed io vado senza meta
mi fermerò
senza sapere dove poter scappare

corre rotondo ed io divento matto
non ne vedo la fine
non so dov’è iniziato

se avessi taciuto se fossi mancato
se avessi scavato
se avessi scavato dentro di me

cambia il tempo ed io lo so
non dormirò
non riuscirò a dormire nemmeno morendo

so che il fuoco brucia piano
so che si spegnerà o presto o tardi
so di me
so di me e dei miei malanni

 

 

lant

i lassi la mê cjase il gno paîs
us lassi ducj
muars e vîs
i lassi ce ch’i conti
par cui che malamentri a lu vûl

ti lassi par plasei
ti lassi ce ch’i scuen ce ch’i vuei
ti lassi ogni ore ogni moment ogni reson

us lassi la mê pae il gno mestîr
i lassi voi mans e pîs
ti lassi alc ch’al reste gno
ti lassi ch’i no torni plui

ti lassi lâ indevant
e simpri lassarai ch’i tu ridis plui di me
ti lassi plui di ce ch’i ai bês e sorenons casomai

  andando

lascio la mia casa il mio paese
vi lascio tutti
vivi e morti
lascio quello che ho da raccontare
a chi malamente lo vuole

ti lascio per piacere
ti lascio quello che devo quello che voglio
ti lascio ogni ora ogni momento ogni ragione

vi lascio la mia paga il mio mestiere
lascio occhi mani e piedi
ti lascio qualche cosa che rimane ancora mio
ti lascio e non torno più

ti lascio andare avanti
e lascerò sempre che tu sia più felice di me
ti lascio più di quello che possiedo soldi e soprannomi casomai

 

 

ore di gnot

ore di gnot ore di gnûf
simpri pensant al sorêli ch’al cole di gnûf
oris di fûc
simpri pensade sot un cîl ch’a ti cjale

cui mi dîs ch’i tu sês miôr
di ogni dolôr
mâl di dincj e di mâr
cui mi dîs ch’i tu sês miôr
di ogni dolôr
mal di dincj e di mâr
malamentri a si va

notturno

tempo di notte tempo di novità
sempre pensando al sole che cade di nuovo
ore di fuoco
ti ho sempre pensata sotto un cielo che ti guarda

chi mi assicura che sei meglio
di ogni dolore
mal di denti e di mare
chi mi assicura che sei meglio
di ogni dolore
mal di denti e di mare
malamente si va

 

 

tal miec’

si mi cjâli dentri al salte fûr
ch’i soi plen di pôre masse trist e cui rimuars
ma i stoi cidin ch’i soi tal miec’
di un brut burlac’ dal mês di lui

no mi covente fâ la fan
par savê ch’a erin timps di sanc e frêt
chei di to e di gno pâri
i butarai daûr di me dut il frait ch’a mi an lassât
e no lu sai s’al bastarà
ma i stoi cidin ch’i soi tal miec’
di un brut burlac’ dal mês di lui

i soi tornât no soi mai lât i soi stât fûr di ogni reson
i soi stât il prin a dî di no
sarai fra chei ch’a scjampin prin
ma cumò i tàs ch’i soi tal miec’ di un brut burlac’
cumò i tàs ch’i soi tal miec’

masse bês e masse dut masse timp i vin cjapât
e cumò i sin cressûs cence riguart
masse cjâr masse sanc masse vois e amôr
prove tu cumò a lassâ se alc a ti àn lassât

nel mezzo

se mi guardo dentro viene fuori
che sono pieno di paura troppo cattivo e con i rimorsi
ma sto zitto perché sono in mezzo
ad un temporale di luglio

non mi serve patire la fame
per sapere che erano tempi di sangue e freddo
quelli di tuo e mio padre
butterò alle mie spalle tutto il marcio che mi hanno lasciato
ma non so se basterà
così sto zitto che sono in mezzo
ad un temporale di luglio

sono tornato non me ne sono mai andato sono stato lontano da ogni ragione
sono stato il primo a dire di no
e sarò tra quelli che scappano prima
ma ora sto zitto perché sono in mezzo ad un temporale
sto zitto perché sono al centro

troppi soldi e troppo tutto abbiamo preso troppo tempo
ed ora siamo cresciuti senza riguardi per niente
troppa carne troppo sangue troppe voglie ed amore
prova tu ora a lasciare qualcosa se qualche cosa ti hanno lasciato

 

 

plenipotenziari

a mi plâs
niciulâmi tal cîl e colâ
sull’europe

e ancjemò rimbalsant come ‘ne bale
slungjà une man sore il cremlin
par robai un còp smicjant il kaiser

e tu sta bon ch’i tajarai la lune in trei
e il toc plui grant al sarà il to
ma tu no sta mangjâlu masse svelt

plenipotenziari

(liberamente tratta da una poesia di T. Modotti)

mi piace
dondolarmi nel cielo e cadere
sull’europa

e di nuovo rimbalzando come una palla
allungare una mano sopra il cremlino
per rubargli una tegola prendendo di mira il kaiser

e tu fai il bravo ed io dividerò la luna in tre
e la parte più grande sarà tua
ma tu non mangiarla troppo in fretta

 

 

novia foresta

plui che ridi ti ai mot la bocje par traviers
par fâti viodi ch’i soi vîf
ma no jè vere i soi lontan e sperdût
a chilometros di te

i soi a mont di dulà ch’i tu sês tu
i soi tornât spagnûl par madrid
e i siei lûcs
pesant intôr da spâle dal gno amî devant

a molgi sangrìe pai lôr bars
a pierdi timp tant par tornâ
a cjatâlu un pôc plui in là
sintîsi singars e cjantâ

plui che ridi tu âs mot la bocje par traviers
par fâmi viodi ch’i tu sâs
ma no jè vere i soi lontan e tu indaûr
a chilometros di me

tu sês a mont tu sês tramont fondût
tu sês pai crès di une sitât
e no tu sâs dulà che tu sês rivât

a molgi sangrìe pai lôr bars
a pierdi timp tant par tornâ
a cjatâlu un pôc plui in là
sintîsi singars e cjantâ

sposa straniera

più che ridere ho storto la bocca
per mostrarti che sono vivo
ma non è così sono lontano e sperduto
a chilometri da te

sono a monte di dove stai tu
sono tornato spagnolo a madrid
ed i suoi luoghi
pesando sulla spalla del mio amico davanti

a mungere sangria dentro i loro bar
a perdere tempo
solo per poi ritrovarlo un poco più in là
sentirsi zingari e cantare

più che ridere hai storto la bocca
per mostrarmi che capisci
ma non è vero io sono lontano e tu sei indietro
a chilometri da me

sei a monte sei tramonto fuso
sei tra le rocce di una città
e non sai dove sei arrivato

a mungere sangria dentro i loro bar
a perdere tempo
solo per poi ritrovarlo un poco più in là
sentirsi zingari e cantare

 

 

v.p.l.

mi ven di tornâ fûr in strade
e ripiâmi cul profùm di asfalt
e tai cjavei cjatâ la fin dai miei confins
e ribaltâ

ribaltâ il gîr dal mont
ch’al sei sbalât ch’al sei ciampìn
mi ven di no fermâ la me sbrovade
intôr da to preson di pêl

mi sint plantât tal cret dûr
dai miei trent’agns
come un claut sparât intôr di un mûr
tu tu sês par me
come une ledrîs droghe ch’a svampìs
e jo i voi

v.p.l.

ho voglia di uscire in strada
e riprendermi con il profumo d’asfalto
e tra i capelli trovare il limite dei miei confini
e invertire

invertire il girare del mondo
che sia sballato che sia mancino
ho voglia di non fermare la mia scottatura
sulla tua prigione di pelo

mi sento piantato nella roccia dura
dei miei trent’anni
come un chiodo sparato dentro ad un muro
tu sei par me
come una radice droga che stordisce
ed io vado

 

 

cinc aigns

son stâs cinc aigns
par cualchidun ancje di plui
e un di chei i soi stât jo
passâs a udin o plui lontan
insome vie cuasi dibant

pas ostarîs in ta stasion suntun biliart
e plui di râr durmì sui bancs
lis oris no passavin mai
ma il timp nol valeve un franc

‘ne volte fûr i vin volût sbrocà i pensîrs
mandâju in cûl a gnestri mût
cuarantevòt cuarantedòi gherp o madûr cumò si va
dismenteât intun moment di fieste
dut ce ch’a nus vevin insegnât
intal sigûr di un puest lontan
intune gnot lu vin brusât

rivâs insomp tal miôr moment plombâs di pês
lassaju lì lassaju stâ
si son gripâs ma no l’è mâl
a non d’è fieste cence damp

cinque anni

sono stati cinque anni
per qualcuno anche di più
e tra questi ci sono anch’io
passati ad udine o più lontano
a dirla tutta quasi per niente

nelle osterie in stazione o su di un biliardo
e più raramente a dormire sui banchi
le ore non passavano mai
ma il tempo non valeva una lira

una volta fuori abbiamo voluto dare sfogo ai pensieri
fotterli a modo nostro
quarantotto quarantadue acerbo o maturo è ora di andare
dimenticato in un momento di festa
tutto quello che ci avevano insegnato
nel sicuro di un posto lontano
in una notte lo abbiamo bruciato

arrivati in cima piombati a peso morto nel migliore dei momenti
lasciateli lì lasciateli stare
hanno grippato ma non c’è niente di male
perché non c’è festa senza un danno

 

 

sul fîl

a si côr slungjant o scurtant a si côr
dîs fàs cui modons fotûs dal incuìn
ma tu sâs di sei peât pai pîs
e tu sburtis par rivà par prin

no sta vaî se no tu viodis fin sot
no sta pensâ se no tu pensis che dut
al è timp pierdût

a si môf la int come un torment
come in t’une plêre ch’a si strenc’
ma tu sâs di stâ cjaminant sul fîl
su pai cres da mont cjalant ju il straplomp

no sta vaî se no tu viodis fin sot
no sta pensâ se no tu pensis che dut
al è timp passât dibant
spetât e disperât
pierdût e mai plui cjatât

sul filo

si corre allungando o accorciando si corre
giorni fatti di mattoni e fottuti dall’incudine
ma tu lo sai di essere legato ai piedi
e così spingi per arrivare per primo

non piangere se non vedi il fondo
non pensare se non pensi che tutto
è tempo perso

la gente si muove come un tormento
come dentro ad un imbuto che si restringe
ma tu sai di stare camminando sopra ad un filo
sulla cresta di un monte guardando il burrone

non piangere se non ne vedi il fondo
non pensare se non pensi che
è tutto tempo passato inutilmente
aspettato e disperato
perso e mai più ritrovato